POF

 

 

 

 

 

 

 

 

 

testa


Progetti del POF

Sono attivi, nell'a.s. 2012/13 per l’ampliamento dell’Offerta Formativa, corsi extracurricolari miranti al potenziamento
e all'approfondimento di varie capacità volte alla crescita artistica, culturale e professionale dei giovani allievi:


  • Progetto Counseling: Responsabile del progetto: Prof. Lorenzo Cuna

FINALITA`:
-
Facilitare il conseguimento dei principali obiettivi educativi ed evolutivi degli studenti, favorendo l’acquisizione di conoscenze, abilità ed atteggiamenti relazionali improntati alla promozione della salute e del benessere degli individui e della comunità.
- Stimolare processi di auto-aiuto e auto-orientamento, attraverso percorsi di self-empowerment, autostima ed autoefficacia realizzati attraverso metodologie pedagogiche non direttive.

 AZIONI PREVISTE:
- Sportello di ascolto (per tutti gli alunni): Spazio di ascolto e orientamento pedagogico, organizzato in incontri individuali della durata di 30 minuti. L’accesso allo sportello avviene previo appuntamento da concordarsi con il docente responsabile del progetto.
     

  • Progetto Laboratorio di Empatia: Responsabile del progetto: Prof. Lorenzo Cuna

Percorso formativo teorico-esperenziale in gruppo sui temi dell’ascolto attivo, finalizzato all’acquisizione di efficaci competenze socio-relazionali (counseling skills). Gli alunni delle classi terze interessati possono presentare al docente responsabile una domanda di partecipazione: sarà possibile accogliere nel gruppo di formazione un numero massimo di 24 partecipanti.
La partecipazione al progetto, che si svolge in orario extrascolastico, è subordinata ad autorizzazione scritta da parte dei genitori degli allievi.

  • Progetto: “ Digital space makes school. Apprendimento e formazione al tempo del web”3.0”:Responsabile del progetto: Prof. Lorenzo Cuna

Finalita`: Il progetto promosso e realizzato dall’ Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, prevede la sperimentazione , da parte di studenti e docenti della scuola della piattaforma software per l’e-learning (formazione a distanza) DOCEBO, sviluppata dall’omonima azienda finanziatrice della ricerca. Nello specifico la proposta fa riferimento ad attività e forme di coinvolgimento di docenti e allievi, da svolgersi entro la conclusione dell’anno scolastico e di seguito descritte in tre momenti successivi:

- accesso on line alla piattaforma DOCEBO, con licenza gratuita d’uso sui pc della scuola e/o dei docenti coinvolti nel progetto: individuazione di un gruppo di docenti (da 5 a10 o un intero consiglio di classe) per l’osservazione della piattaforma e l’attivazione di un forum di discussione rivolto alla personalizzazione della piattaforma rispetto al contesto scolastico e rispetto alla metodologia di apprendimento e formazione;
- utilizzo della piattaforma DOCEBO come ambiente di apprendimento integrato rispetto all’aula, ad uso di uno o più docenti e comunque a supporto della didattica di una o più classi della Scuola con attivazione di un forum di discussione relativo al processo attivato on line e sua ottimizzazione ( il numero di docenti coinvolti dipende da quanti saranno disponibili a progettare e realizzare con i loro studenti in modalità e-learning;
- attivazione di un percorso laboratoriale in presenza, con uno o più docenti di una stessa classe, finalizzato a progettare e costruire un ambiente di apprendimento più efficace, per sviluppare ed implementare metodologie di apprendimento, basate sul learning by design, che integrino spazi fisici e spazi digitali.

 

  • SPAZIO ZERO11, un’apertura nuova, un vivo contatto tra scuola, cultura e società: Responsabile del progetto: Prof. Franco Cipriano

Uno spazio per l’arte contemporanea nella città di Torre Annunziata.
Nel contesto di un territorio attraversato dal disagio sociale e dalle difficoltà della vita quotidiana - ma anche sospeso tra  memoria dell’antico, gesti e segni della tradizione popolare  e una controversa modernità, che appare, svanisce, riappare - il Liceo Artistico G. de Chirico, con i suoi ambienti riattivati in modo polifunzionale, diventa un polo di arte e cultura.
È un evento che apre la scuola all’ interlocuzione  - con mostre, incontri e laboratori -  con la storia e con i linguaggi contemporanei dell’Arte, della Comunicazione, dell’ Architettura  e del Design.  È iniziativa che aspira a divenire punto di riferimento per artisti, studenti, cittadini, operatori culturali della città, del territorio, della regione.

Col logo SPAZIO ZERO11, un ambiente dell’istituto è stato convertito in centro espositivo, grazie al contributo delle aziende TEKLA e Benetton, su progetto della sezione Architettura, a cura del prof. Franco Cipriano, con il coordinamento del dirigente scolastico Felicio Izzo, con la partecipazione del prof. Giovanni Russo, con la collaborazione progettuale di Carlo Mosca e il contributo tecnico di Antonio Falanga, con la solidale attenzione di alcuni docenti ma soprattutto con l’impegno operativo degli studenti dell’Istituto d’arte:  Ludovico d’AnielloRoberta Mazzetti, Roberta Stanzione, Pasquale Galasso Maria Rosaria Avino, Valentina Sorrentino, Aniello Cataldo, Angelo Pesacane, Mario Sicignano, Andrea Russo.
Con il loro essenziale lavoro nelle attività di laboratorio, gli allievi hanno contribuito in modo determinante alla realizzazione del progetto.   

Realizzando il rapporto di collaborazione con TEKLA e Benetton, il progetto SPAZIO ZERO11 intende attivare sinergie tra Liceo Artistico de Chirico con imprese che operano sul territorio, anche con rilevanza nazionale e internazionale.
L’interazione impresa-società nell'epoca attuale include aspetti relativi anche al mondo dell’arte e della cultura. Nella chiara distinzione del significato del loro ruolo, arte e imprenditoria possono dialogare e realizzare progressive comuni progetti di innovazione delle forme di promozione culturale.
Con proposte ed iniziative che incrociano i diversi aspetti dello scenario dell’arte contemporanea, lo SpazioZero11 con il contributo tecnico-logistico e l’apporto conoscitivo  di operatori esterni, può diventare una presenza significativa nella articolazione dei luoghi sociali della cultura.

SpazioZero11 è  “laboratorio delle mostre” che ospiterà  artisti impegnati in ricerca e attività espressive di inattesa singolarità, le quali potranno aprire anche nella didattica nuovi percorsi di conoscenza e di elaborazione dei linguaggi della contemporaneità artistica, nel loro “politecnico”  scenario: la pittura e la scultura, il disegno e la fotografia, il video e l’istallazione, l’architettura e il design, la grafica e la performance
S’inizia con un ciclo di mostre di scultori, mostrando diverse, spesso contraddittorie e conflittuali versioni della scultura contemporanea. Attraverso l’immaginario dell’arte,  nel suo diramato manifestarsi, si può cercare di “parlare” del mondo con le tensioni espressive  delle forme, dei segni e delle immagini. Attraverso la “interrogazione” del nesso passato-presente-futuro, la scultura nelle sue inquiete ricerche “riflette” la possibilità di una originante trasformazione dello spazio fisico-mentale del reale.  La prima mostra, evento inaugurale dello spazio, è dedicata ad Antonio Gallinaro, cui seguiranno Ciro Vitale  e Gerardo Vangone, in un controcanto di materie e visioni della scultura sulla soglia dell’installazione.

Le iniziative espositive e altri avvenimenti artistici, aspirano a collegare presenze, domande, storie, segni, immagini, che possano incrociarsi con le dinamiche e le aspettative culturali della città e del territorio, incrociando i linguaggi dell’immaginazione materiale con le virtualità delle nuove tecnologie. Attivando una rete di partecipazioni che coinvolga istituzioni e socialità,  lo Spazio Zero11 può costituire un segmento  di un tempo nuovo della relazionalità sociale. Si può dunque pensare e “agire il mondo” anche nei linguaggi polimorfici dell’arte, rappresentando la molteplicità e le differenze, delle culture  e delle forme di vita, come un inesauribile terreno di espressioni e di esperienze che siano percorsi possibili di  rinnovate co-esistenze e di  profondi dialoghi.

Spazio Zero11 cercherà di percorrere questo cammino dell’arte con intensità culturale e respiro etico, per la scuola, dalla scuola, verso le forme viventi della città e del territorio.


 

 

youtube facebook blog flickr flickr posta
flickr facebook youtube